HOME

IL SEI NAZIONI

RISULTATI 2009

STORIA DEL TORNEO

LE 6 FEDERAZIONI

ALBO D'ORO

ARCHIVIO DEI RISULTATI

CHAMPIONSHIP TROPHY

CALCUTTA CUP

TRIPLE CROWN

GRAND SLAM

WOODEN SPOON-WHITEWASH

LE STATISTICHE

I RECORD

I LEGGENDARI

GLI AZZURRI NEL TORNEO

IL TORNEO FEMMINILE

IL RUGBY

WILLIAM WEBB ELLIS

NASCITA DEL RUGBY

LA CITTA' DI RUGBY

IL PALLONE OVALE

REGOLE DEL RUGBY

I RUOLI IN CAMPO

IL VARSITY MATCH

ALTRE NOBILTA' DEL RUGBY

IL SITO

CHI SIAMO

VISITATO IN...

CREDITS

LINKS

GUESTBOOK

 

 

 GALLES  

DATI GENERALI

 

Superficie: 20.732 kmq
Popolazione:
2.958.600 abitanti (stima 2003)
Densità:
143 ab./kmq
Capitale:
Cardiff (Caerdydd), 319.700 abitanti (dati 1999)

Il Galles è una delle regioni del Regno Unito di Gran Bretagna. Ne fa parte da più di sette secoli e l'erede al trono inglese si fregia del titolo di Principe di Galles. E' una terra che però ha mantenuto l'orgoglio per le proprie tradizioni, soprattutto nella lingua (gaelico). Il territorio gallese, nel settore occidentale dell'isola e separato dall'Inghilterra dalle valli del Dee e del Severn, è identificabile con il massiccio dei Cambrici, cime antichissime e livellate (lo Snowdon è l'unico a superare mille metri). Rugby e miniere sono l'anima del Galles: la fascia meridionale delle Black Mountains pullula di giacimenti carboniferi, che furono fonte essenziale di approvigionamento energetico per l'Inghilterra e per il Commonwealth. Si realizzarono canali e ferrovie che collegarono Cardiff, Swansea e gli altri centri alle maggiori città industriali inglesi.

 

 

LA BANDIERA

La bandiera nazionale del Galles si chiama Dragone rosso (in inglese The Red Dragon, in gallese Y Ddraig Goch). Essa consiste in un drago rosso in campo verde e bianco. Non esistono versioni standard del dragone, ma esistono varie interpretazioni. Bandiera nazionale sovrana generale è, ovviamente, la Union Flag britannica. La bandiera attuale è quella ufficiale dal 1959, ed è basata su un vecchio motto usato dai monarchi inglesi e britannici sin dalla dinastia Tudor: on a mount vert a dragon gules (un drago rosso su un monte verde). Lo stesso drago rosso è stato per secoli associato al Galles; su questa base, la bandiera è stata spesso ritenuta come la più antica bandiera nazionale ancora in uso. L'origine dell'adozione del simbolo del drago si perde ora nella storia e nella mitologia gallese. Una teoria plausibile è che il simbolo sia stato portato dagli antichi romani nell'area corrispondente all'attuale Galles durante l'invasione romana delle isole britanniche, ma potrebbe essere ancora più antico. Le strisce bianche e verdi della bandiera furono aggiunte dalla casa dei Tudor, la dinastia gallese che detenne il Regno d'Inghilterra dal 1485 al 1603 (il bianco e il verde sono anche i colori del porro, un altro simbolo nazionale gallese). La più antica testimonianza dell'uso del dragone a simbolo del Galles è contenuta nella Historia Brittonum, scritta attorno al 820, ma è credenza popolare che sia stato lo stendardo di battaglia di Re Artù e di altri antichi comandanti celti. Nella poesia gallese è associato in particolare con Cadwalar re di Gwynedd dal 655 al 682. Molte leggende sono associate al drago gallese. La più famosa è la profezia di Merlino di una lunga lotta tra un drago bianco e un drago rosso. Secondo la profezia, dapprima avrebbe dominato il drago bianco, ma la vittoria sarebbe infine spettata al drago rosso. È un'allegoria della storica rivalità tra gallesi e inglesi.

 

IL SIMBOLO

LE TRE PIUME DI STRUZZO

Nel 1346, dopo la vittoria sui francesi a Crecy, il principe di Gallese Edoardo, detto il "Principe Nero", si impadronisce dell'armatura e dell'elmo del re di Boemia, alleato degli sconfitti. L'elmo è ornato dalle piume di struzzo e reca in tedesco la scritta "Ich Dien", che oggi si ritrova sullo stemma del Galles rugbistico. Questa la prima teoria sulla nascita del simbolo gallese. Secondo un'altra tradizione, le piume di struzzo appartengono alla madre di Edoardo, Filippa di Hainaut.

 

 

 

LO STADIO

 

MILLENNIUM STADIUM, CARDIFF

Il Millennium Stadium di Cardiff è uno degli stadi più belli del mondo. Si trova in pieno centro, lungo il fiume Taff, contiguo al campo del Cardiff Rugby Union Club e al Cardiff Arms Park, a pochi minuti dalla stazione centrale e dal castello medioevale. Può contenere 72.500 spettatori, ha un prato riscaldato e retrattile e una cupola apribile, per consentire, come dicono da quelle parti, "anche a Dio di vedere i Dragoni andare in meta". Una cattedrale del rugby nel Paesa dove il rugby è religione, prestata saltuariamente al calcio, come in occasione della finale di F.A. Cup, la competizione più antica del pallone a undici. Il Millennium fu ultimato nel 1999 con un notevole esborso economico, ma dicono tutti che ne è valsa la pena. Sostituisce l'Arms Park, che risaliva al 1880 e conteneva 55 mila posti.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

L'INNO

 

MAE HEN WLAD FY HNADAU

(THE LAND OF MY FATHERS)

"Gli avversari dicono che il nostro inno sono sette punti di vantaggio per il Galles, ma nessuno sa in effetti cosa significano per noi. Valgono molto, molto di più" (Gareth Edwards)

Mae hen wlad fy nhadau yn annwyl i mi,
gwlad beirdd a chantorion, enwodion o fri,
ei gwrol ryfelwyr, gwladgarwyr tra mad,
dros ryddid collasant eu gwaed.
Gwlad, gwlad, pleidiol wyf I'm gwlad;
tra mor yn fur i'r bur hoff bau
o bydded i'r hei iaith barhau!

(L'antica terra dei miei padri mi è cara,
terra di poeti e di bardi, uomini di chiara fama;
i tuoi coraggiosi guerrieri, i tuoi splendenti patrioti,
il loro sangue versarono per la libertà.
Patria mia, patria mia, mi sei cara, patria mia,
pura terra amata circondata dal mare,
possa la tua antica lingua vivere ancora!